De
MENU

Più partnership per la sostenibilità

Due milioni di organizzazioni in tutto il mondo si occupano di sostenibilità. Anche nel contesto altoatesino questo tema è diventato centrale. Però spesso se ne tratta in ambienti poco interconnessi. Quali passi dobbiamo fare per ottenere una maggiore connessione e un orientamento comune?

Due milioni di organizzazioni in tutto il mondo si occupano di sostenibilità. Anche nel contesto altoatesino questo tema è diventato centrale. Però spesso se ne tratta in ambienti poco interconnessi. Quali passi dobbiamo fare per ottenere una maggiore connessione e un orientamento comune? Questa domanda è stata posta dalla Rete dell'Alto Adige per la Sostenibilità, in collaborazione con il Centro Pace, in una tavola rotonda con Klaus Egger, incaricato speciale per la sostenibilità dell'amministrazione provinciale altoatesina, affiancato da Jutta Wieser e Benno Kapelari, come esperti facilitatori di dialogo.
Invece di confrontarsi in un classico dibattito, trenta partner della Rete dell'Alto Adige per la Sostenibilità si sono riuniti il 6 ottobre nella Biblioteca Comunale di Bolzano per un incontro diverso dal solito. Nell’intento di un’esplorazione condivisa, ogni voce nella stanza ha avuto ascolto. Il tema era: a che punto siamo per il raggiungimento dell’obiettivo n° 17 delle Nazioni Unite: la promozione del partenariato globale per uno sviluppo sostenibile?
"Nel teatro abbiamo bisogno, ancor più del proprio talento, della capacità di ascoltarci e di darci spazio a vicenda", ha spiegato Eva Kuen di PERFAS (Performing Artists South Tyrol), da recente partner di Rete. Questa attenzione reciproca è ciò che dà origine al movimento e alla creatività. Abbiamo bisogno di diversità e di uno sguardo sull’altro anche sul palcoscenico della sostenibilità.
Matteo Graiff, Direttore Generale del Südtiroler Jugendring, ha aggiunto all’ascolto la capacità di fare un passo indietro per la causa comune. La sostenibilità è ormai abbastanza visibile. Ora è il momento di accantonare le nostre visioni e di metterci al servizio del futuro.
Ciò richiede una forte visione per l’Alto Adige, che Johannes Engl, rappresentante dell'Economia del Bene Comune e del Patto per il Futuro, non riesce ancora a vedere. Altrettanto importanti sono nuovi formati di incontro, come il dialogo, l’Open Space, il World Café o il fishbowl. Studio Comune, FacilitaLab e la cooperativa sociale Blufink già propongono questi formati, incluso all‘Urban Play Agenda 2030 o il prossimo Ideensalon il 22 ottobre a Merano.
La moderazione stessa ha messo in rilievo la forza delle emozioni. „Solo chi si sente bene, può essere un dono per gli altri“, ha segnalato Benno Kapelari. Jutta Wieser ha aggiunto la centrale importanza di affrontare emozioni difficili: „Non malgrado o senza la paura, ma solo al suo fianco diventeremo sostenibili.“
Ancora ci muoviamo in contesti di potere patriarcali e intellettuali, hanno insistito alcune donne nel cerchio. A questo si oppongono numerosi eventi sul calendario future.bz.it: la conferenza "Sfruttamento senza frontiere" e la Marcia delle Donne, entrambe il 15 ottobre a Bolzano, le tre serate sul „Colonialismo – il passato ancora presente“ e i Berlin Change Days a Silandro che tematizzano gli Inner Development Goals. L'importanza di questi obiettivi di sostenibilità “interna” è stata sottolineata da Brigitte Villaronga di BASIS e Mariano Paris del Circolo per il Clima di Velturno.
I contributi nel cerchio sembravano una danza di parole. Nel cerco interno una sedia, frequentemente usata dai partecipanti, era dedicata alle verità scomode. Quindi era inclusa una delle forze più importanti: il coraggio di esprimere in modo rispettoso le conflittualità, per giungere ad una sostenibilità sinceramente autentica.

News

gio, 14.12.2023

giochiamo, cambiamo WE-GAMES Novità in Rete disponibili per tutti

I WE - GAMES sono stati lanciati in un percorso che è durato sei mesi nel 2023. L'idea è nata nel Team di Coordinamento della Rete La Rete das Netzwerk La Rëi per rispondere alla domanda: come possiamo coinvolgere le persone nei processi partecipativi?

Infatti, per entrare in questa logica, le persone hanno bisogno di competenze speciali: la consapevolezza di agire collettivamente, l'accettazione delle differenze, il piacere della diversità, la fiducia in sé stessi e una genuina curiosità.

Da qui il desiderio di esperienze giocose che rafforzino il "we-feeling", nei quali il rispetto viene esercitato in modo rilassato, così come l'ascolto reciproco. Giochi che si focalizzano sull'empatia e sull'azione creativa.

mer, 06.12.2023

Un cerchio si chiude

Con l'incontro di venerdì scorso all'Eurac, La Rete - Das Netzwerk - La Rëi ha concluso un percorso iniziato nel 2020 con la fondazione della Rete per la Sostenibilità. Privo di finanziamenti di base, il team di coordinamento dovrà sciogliersi. Ma rimane la piattaforma future.bz.it, alla quale sono ancorati i 17 obiettivi di sostenibilità nell’ambito del volontariato altoatesino. I 140 partner della rete possono essere filtrati in base agli obiettivi e alla loro localizzazione geografica e contattati autonomamente. In questo modo, viene rafforzato in Alto Adige l'obiettivo n. 17, che promuove la creazione di nuove partnership.

lun, 22.05.2023

Abusi sessuali: rompere il silenzio con una petizione

Una petizione co-sponsorizzata dalla nostra rete a seguito del libro "Rompiamo il silenzio" vuole scuotere le cose, rimuovere i tabù, sensibilizzare e chiamare all'azione coloro che hanno responsabilità politiche.

mar, 07.03.2023

Ci concentriamo sui partenariati: la Rete dell’Alto Adige per la Sostenibilità cambia nome

Sei donne impegnate formano il team di coordinamento della Rete per la Sostenibilità, adesso con il nuovo nome La Rete Das Netzwek La Rëi, la cui piattaforma future.bz.it raccoglie in partenariato 140 organizzazioni altoatesine e 16 imprese sostenitrici intorno all'Agenda 2030. Nel suo terzo anno di vita, la Rete si sta rinnovando. Perché?

Events

Per questo obiettivo per ora nessun evento è registrato.
Alle Events
Editoriale|Privacy|Cookies

Un’iniziativa realizzata con il finanziamento della Provincia Autonoma di Bolzano e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Tutti gli obiettivi globali

Filtro

Utilizziamo i cookie per ottimizzare i nostri servizi. Continuando a utilizzare questo sito Web, lei accetta l'uso dei cookie. Ulteriori informazioni